slide 1 slide 2 slide 3

Orario Santa Messa

Feriale: ore 07.00

Festivo: ore 07.00 - 10.30 - 17.30

Buona Causa

Il Papa

VENDESI suolo Edificatorio mq 252 (Depressa) vicino alla villa, buon prezzo info: 347.5531973

Processione dei “Serpari”, la più pagana dei riti cristiani.

Valutazione attuale:  / 13
ScarsoOttimo 


Il primo di maggio a Cocullo, nell’aquilano, si festeggia San Domenico e, come per altre usanze in cui il rito pagano si intreccia con la devozione cristiana, così accade anche in questa occasione, in cui la devozione per San Domenico, protettore dal morso dei serpenti, si intreccia con il rito arcaico dei “serpari”, manipolatori dei serpenti, nel suggestivo quanto unico Rito dei Serpari.

Per la festa la statua del santo viene portata in processione, addobbata con serpentelli aggrovigliati, innocui e particolarmente conosciuti sui monti attorno al paese, tra questi Saettoni, Cervoni, biacchi e Biscie. I cosidetti serpari raccolgono proprio nei monti attorno al paese questi serpenti nella stagione fredda, durante il loro letargo. Prima della processione sono questi uomini a mostrare i serpenti ai visitatori, permettendo loro di toccarli e maneggiarli, mentre si intonano canti popolari per le vie del paesino.

Dopo la santa messa, in tarda mattinata, la statua del santo viene ricoperta dai serpenti e la processione ha inizio. Il corteo si allunga per le strette vie di Cucullo trasmettendo agli astanti immagini suggestive ed emozionanti. Una giornata diversa che riconcilia gli animi con la natura, rasserena i cuori con le suggestioni che offre un piccolo borgo di montagna incontaminato, conduce alla condivisione nella devozione impastata al folclore.

L’incontro con i serpari, la possibilità di accarezzare un serpente e superare le paure, accalcarsi dietro la statua del santo chiedendo soccorso per la salute, o restare semplicemente ai margini, spettatore di fronte a un evento così particolare, suscita inevitabilmente un fremito profondo, che vale la pena di provare.

Tra i fedeli di San Domenico vi è anche un nostro parrocchiano Giacinto Ciardo. Che dal 1995 immancabilmente è sempre presente alla festività, nonchè artefice di numerose interviste e documentari televisivi, attinenti all'evento.

COCULLO 2014

 

Coloro i quali volessero partecipare il prossimo anno alla manifestazione contattare GIACINTO CIARDO.
Joomla SEF URLs by Artio



By Parrocchia di Depressa - webmaster Pierino 347.5531973 Enzo 334.9033132